Ambiente

Allarme ambiente in Galizia, trovati milioni di pallini di plastica in spiaggia: i devastanti effetti

Su una spiaggia della comunità autonoma della Galizia sono stati recentemente trovati milioni di pallini di plastica.


Uno dei problemi più importanti del mondo è proprio l’inquinamento dei mari, gli oceani della Terra sono infatti cosparsi da circa 150 milioni di tonnellate di plastica. E non solo: ogni anno arrivano nuove tonnellate di sostanze inquinanti, che si aggregano a quelle già preesistenti. Per quanto riguarda il bellissimo Mar Mediterraneo, questo viene costantemente danneggiato da molti paesi europei e africani. In modo particolare, i maggiori responsabili dell’inquinamento del mare Nostrum sono l’Egitto, l’Italia e la Turchia.

Questi ultimi versano in acqua circa 132.000 tonnellate di plastica all’anno. In atre parole, questi tre paesi sono responsabili del 50% delle sostanze inquinanti presenti nel Mediterraneo. Recentemente, è stato lanciato un nuovo allarme in Galizia, poiché sono state avvistati milioni di pallini di plastica su una spiaggia.

Galizia, milioni di pallini di plastica inquinano la spiaggia

Le bellissime spiagge della comunità autonoma spagnola, chiamata Galizia, sono purtroppo cosparse da milioni di pallini di plastica. Questa tragedia ambientale è iniziata verso la metà di dicembre, ciononostante il problema non è stato ancora risolto. Cosa sono allora questi pallini? Si tratta in realtà di piccolissime sfere di plastica, che raggiungono mediamente i 5 millimetri di diametro. Secondo gli esperti, provengono dall’industria della plastica, servono infatti a produrre i vari prodotti che si vedono in commercio. Più specificatamente, questi pallini vengono imballati e spediti nelle fabbriche mondiali attraverso le navi.
pallini di plastica sulla spiaggia
Milioni di pallini di plastica trovati in spiaggia – biopianeta.it
Ciò significa che ogni giorno viaggiano in mare miliardi di queste piccole sfere di plastica, il cui obiettivo è fonderli per creare le bottiglie, i contenitori e tantissimi altri oggetti costituiti da materie plastiche. Come è facilmente intuibile, uno dei container presenti su una nave è precipitato in acqua, disperdendo il suo carico nell’Oceano Atlantico. Il materiale disperso è ovviamente formato da milioni di pallini di plastica, i quali hanno purtroppo raggiunto la costa della Galizia. La nave che trasportava il prezioso carico era inoltre dell’azienda di trasporti Maersk, mentre le materie plastiche provenivano dall’azienda polacca Bedeko Europe.
Ad ogni modo, la rimozione delle piccole sfere si è rivelata piuttosto difficoltosa, poiché le loro dimensioni sono estremamente ridotte. Va inoltre ricordato che gli addetti alla pulizia devono eliminare milioni di pallini grandi solamente 5 millimetri ciascuno. Questi numeri fanno capire la complessità delle operazioni in corso e i tempi lunghissimi che occorrono per risolvere il problema. Secondo la Plastic Soup Foundation, la dispersione di pallini di plastica non è una novità, nell’Unione Europea ad esempio cadono in mare circa 23 miliardi di sostanze plastiche all’anno.
Back to top button
Privacy