Qualità del sonno: esiste una vitamina che serve a ricordare i sogni

Assumere vitamina B6 prima di dormire potrebbe aumentare la capacità di ricordare i sogni notturni: lo studio 

Tra chi ricorda precisamente i dettagli della “avventure” notturne, mentre si dorme e chi invece non ricorda assolutamente nulla di incubi vissuti, ora un aiuto per ricordare i sogni notturni potrebbe arrivare dalle vitamine del gruppo B, quelle essenziali per il corretto funzionamento del sistema nervoso. Precisamente dalla vitamina B6, che servirebbe a rafforzare la capacità di riportare alla mente ciò che si è visto e vissuto dormendo.

Ad affermarlo è uno studio pubblicato su Perceptual and Motor Skills condotto dall’Università di Adelaide che è partito dall’ipotesi di alcuni studi precedenti per i quali la vitamina B6 era considerata capace di potenziare l’intensità dei sogni in termini di emozioni, nitidezza, colori, oltre alla capacità di ricordarli meglio una volta svegli. Gli studiosi hanno dunque coinvolto in un test cento persone divise in tre gruppi: uno che ha assunto 240 mg di vitamina B6 per cinque giorni, il secondo 240 mg di vitamine del gruppo B, tra cui la B6, il terzo solo un placebo. I risultati hanno visto le persone del primo gruppo ricordare meglio i sogni rispetto agli altri con il 64 per cento di dati in più rispetto al terzo gruppo, mentre il secondo non ha subito alcuna variazione, probabilmente perché l’effetto della vitamina B6 era annullato da un’altra.

--pubblicità--

La presenza o la carenza di vitamina B6 è dunque capace di influenzare la capacità di ricordare i sogni, mentre non viene confermata dallo studio la sua capacità di influenzare l’intensità e la nitidezza dei sogni stessi. I partecipanti al test hanno affermato di ricordare però i dettagli durante tutta la giornata. La vitamina B6 viene assunta durante una normale ed equilibrata alimentazione, tuttavia può essere integrata perché, come suggeriscono gli autori, potrebbe favorire i sogni lucidi, quelli in cui si è coscienti, anche per superare incubi e fobie.

Photo credit: Pixabay.it