La dieta del riso integrale

Perdere peso dopo le feste in maniera veloce ma sana con il riso integrale, alimento dai mille benefici per l’organismo

Passate le feste, chiodo fisso nella mente di tutti ormai è diventato l’aspetto fisico e il tentativo di rimediare agli eccessi del periodo natalizio. Per chi vuole disintossicarsi e depurarsi da cibi troppo calorici e perdere i chili di troppo accumulati, è allora perfetta la dieta a base di riso integrale, alimento ricco di benefici per l’organismo. Vediamo insieme cosa prevede.

--pubblicità--

Ricco di fibre e perfetto per aiutare la digestione, il riso integrale è perfetto per la dieta, grazie al suo effetto depurante e anche per chi vuole seguire una dieta priva di glutine. Si tratta di un alimento che ha il potere di saziare molto velocemente pur contenendo poche calorie; ha un effetto drenante grazie alla scarsa presenza di sodio e aiuta quindi a combattere la ritenzione idrica. Si può dunque seguire una dieta dai 3 ai 9 giorni a seconda dell’effetto purificante e snellente che si vuole raggiungere, considerando che si può comunque mantenere il riso integrale come alimento base da preferire anche fuori dalla dieta.

Per un’azione purificante, uno schema dieta di tre giorni potrebbe prevedere:

  • Colazione: crema di riso dolce con miele, frutti rossi o cannella
  • Pranzo: riso integrale bollito condito con olio evo e un frutto
  • Cena: minestra di riso condita con verdure lessate

Se si vuole prolungare la dieta è necessario integrare il riso integrale con altri alimenti, come pollo e mele. Si avranno quindi:

  • Colazione: acqua e limone, caffé/the, una mela da 200 gr cotta al forno, ed eventualmente 30 gr di riso cotti insieme alla mela
  • Pranzo/cena: 50 gr di riso integrale con 200 gr di pollo o tacchino alla griglia, o 150 gr di tonno al naturale o merluzzo, insieme a un’insalata, rucola o spinaci crudi conditi con poco olio
  • Spuntini: 100 gr di mela cotta o cruda, acqua e limone

Semplice e veloce, per recuperare in fretta dagli sgarri!

Photo credit: Pixabay.it