Sustainability Life

Per risparmiare il pellet si può produrre a casa in modo semplice ed economico, sono in molti a farlo

Se hai intenzione di spendere poco con il riscaldamento, ti mostriamo il modo più semplice per risparmiare il pellet


Anche questo inverno, purtroppo, le famiglie italiane dovranno fare i conti con i pesanti rincari energetici che ormai da due anni non ci lasciano più.

Con l’arrivo dell’inverno, infatti, tutti noi avremo a che fare con le bollette del riscaldamento e del gas. Ecco perché in molti hanno deciso di limitare i consumi acquistando una stufa a pellet, considerata più economica dei classici termosifoni.

Tuttavia, vogliamo mostrarti come risparmiare anche in questo caso, producendo il pellet in casa in modo semplice.

Produrre il pellet in casa per risparmiare

Negli ultimi anni in Italia si è assistito ad una vera e propria crescita nell’utilizzo di stufe a pellet. Tra il 2009 e il 2021, infatti, si è assistito ad un aumento di circa il 59% dei dispositivi in Italia. Tuttavia, nonostante si tratti di un sistema più economico rispetto ai termosifoni, anche il combustibile di queste stufe ha visto un rapido aumento del suo costo. Ecco, quindi che vogliamo mostrarti qual è il metodo migliore per realizzare il pellet in casa e risparmiare.

produrre il pellet in casa per risparmiare
In questo modo riuscirai a risparmiare – Bioppianeta.it

Il pellet, infatti, non è altro che combustibile ottenuto dagli scarti del legno, come trucioli o segatura. Dunque, per produrre il pellet fatto in casa abbiamo bisogno dell’ingrediente principale: gli scarti del legno. Procuriamoci quindi materiale derivante da potature, rami, tronchi morti o scarti industriali del legno (chiedete ad un falegname). È importante utilizzare solo materiale grezzo e non trattato, come ad esempio scarti di mobili di legno o altro.

Dopo aver raccolto il materiale principale, ora è necessario procurarsi i macchinari e gli attrezzi per poter produrre il pelle. Servirà infatti una pellettatrice, un biotrituratore, un igrometrto e un collante per pellet. La prima cosa da fare è sminuzzare il legno per ottenere pezzetti dalla dimensione di circa 10 millimetri. Successivamente dovrete far essiccare il prodotto che avete ottenuto: misurate l’umidità con l’aiuto di un igrometro. Inserite poi il prodotto all’interno della pellettatrice, in modo che questa dia la classica forma “da pellet” al vostro prodotto.

Infine, se volete compattarlo così come avviene nel prodotto che acquistate di solito, utilizzate un collante naturale. A questo punto avrete realizzato il vostro pellet fatto in casa e pronto da usare nella vostra stufa. Ricordate di conservare il prodotto in una zona asciutta ed areata, in modo da non farlo bagnare e mantenere intatte le sue proprietà.

Back to top button
Privacy