Ambiente

Arriva il super vetro, 10 volte più resistente del normale ed ecologico: è rivoluzione

Di recente è stato realizzato un vetro unico al mondo, che resiste fino a 10 volte di più rispetto agli attuali, ed è persino ecologico.


Il vetro è una delle creazioni più importanti degli ultimi secoli, soprattutto per il suo impiego in tantissimi campi. Ma chi l’ha inventato? Secondo gli archeologi il primo ritrovamento, che dimostra l’utilizzo di una sostanza vetrosa, risale addirittura al III millennio a.C. in Mesopotamia. Per la precisione, si tratta di alcune perle di vetro realizzate con la paste vitree, che gli antichi popoli utilizzavano per le decorazioni.

Il medesimo procedimento era adottato anche dagli antichi egizi, soprattutto tra il 2055 e il 1790 a.C. Inoltre, sono stati ritrovati anche dei vasi di vetro in India e in Cina, risalenti al 1000-500 a.C. La prima lavorazione del vetro nel Mediterraneo, invece, risale al 1700 a.C. in Sardegna.

Il vetro super resistente: com’è realizzato e perché è ecologico

Si tratta di un vetro ecologico  estremamente resistente, nato grazie ad una Università americana. I ricercatori sono convinti che rivoluzionerà la vita quotidiana di tante persone. Precisamente, si parla di un materiale in grado di resistere 10 volte di più rispetto agli attuali materiali di vetro. Inoltre, per realizzarlo si utilizza molta meno energia, ciò significa che nell’ambiente viene rilasciata pochissima CO2. In modo particolare, i consueti materiali di vetro che si trovano oggi nei bicchieri, nelle finestre ecc. sono realizzati con il silicato di sodio e la calce.

realizzazione del vetro
Il vetro che inquina di meno – biopianeta.it

Perciò, per crearli bisogna disporre di forni che arrivino fino a 1.500 °C, il che significa consumare tanta energia, che a sua volta porta inquinamento nell’atmosfera. In più, nella produzione dell’attuale vetro sono utilizzati anche sabbia di quarzo, cenere di soda e calcare, che sprigionano tanta CO2 nell’aria.

Quindi, alcuni ricercatori sono riusciti a creare una nuova formula che possa ottenere un vetro più ecologico, cioè che inquini meno l’ambiente e, al contempo, sia estremamente resistente. Questa nuova formula è chiamata LionGlass. Quest’ultima elimina la cenere di soda e il calcare, e li sostituisce con l’ossido di alluminio o con un composto di ferro.

Questo nuovo metodo richiede un forno che arrivi solo a 400°C, quindi il risparmio energetico è del 30%. Chiaramente, tutto questo porta ad emettere nell’atmosfera molta meno CO2, rispetto al precedente processo. Inoltre, va ricordato che si ottiene un vetro 10 volte più forte: i test hanno dimostrato che resiste persino ad un penetratore a diamante Vickers, oppure ad un peso di 1 kg. Gli attuali materiali di vetro, invece, solitamente resistono ad un peso di soli 100 grammi. Secondo gli esperti, il vetro LionGlass potrebbe essere utilizzato nell’edilizia, sulle automobili, nell’elettronica o persino nelle navicelle spaziali.

Back to top button
Privacy