Indubbiamente di tratta di “brand journalism”, ma il segnale che l’amministratore delegato, nonché CEO di Gucci ha dato a tutto il mondo dell’imprenditoria è stato molto forte. Marco Bizzarri infatti ha dichiarato all’interno di un articolo pubblicato sulla piattaforma “Equilibrium” che sta organizzando una svolta ecosostenibile per la sua azienda. Insieme a questa, richiama tutto il mondo dell’imprenditoria (soprattutto quella di moda, ma non solo) ad un impegno condiviso.

Con il termine “CEO Carbon Neutral Challenge” lancia la sfida a tutti i CEO delle grandi aziende. Lo fa in maniera indubbiamente moderna, in maniera che possa essere un’occasione per tutti di adottare misure sostenibili nei loro programmi di sviluppo.

In cosa consiste

Ciò che si auspica l’amministratore delegato della quasi centenaria casa di moda nata a Firenze è una svolta ecologista per tutto il mondo dell’imprenditoria. In particolare rivolgendosi a quella del suo campo, l’alta moda appunto.

--pubblicità--

C’è necessità di un cambiamento radicale: le aziende devono pensare in maniera ecologica per quanto riguarda i programmi di tutta la filiera. Partendo dal “rispetto” degli animali fino ad arrivare alle buste biodegradabili in negozio. Solo in questa maniera, grazie ad uno sforzo condiviso, sarà possibile influire sui cambiamenti climatici in atto.

Sono fermamente convinto che dobbiamo considerarci tutti responsabili di queste emissioni e per questo ridefinire la neutralità delle emissioni di anidride carbonica per includere l’intera catena di approvvigionamento

Queste le parole del CEO della casa fiorentina, volte ad una diminuzione drastica delle emissioni e soprattutto ad un resoconto annuale sulle attività svolte dalle aziende nel campo della sostenibilità.