Tornata la zecca che rende allergici alla carne rossa, in aumento i casi

In aumento i casi negli Stati Uniti di morso dalla zecca che sarebbe colpevole di provocare allergia alla carne rossa: sono circa cinquemila i casi, l’Italia non è esclusa

Una zecca che sarebbe responsabile, con il proprio morso, di provocare una strana forma di allergia alla carne rossa: sono in aumento negli Usa i casi di persone morse dalla Amblyomma americanum, che vive soprattutto nella parte sud-orientale del Paese, in cui si contano circa cinquemila casi di persone diventate “vegetariane” per colpa della zecca.

Infatti il morso di queste zecche sarebbe collegato nel 90 per cento dei pazienti alla sensibilizzazione all’alfa gal, una sostanza presente nella carne rossa che causa quindi una reazione allergica in chi la consuma. La sintomatologia comprende prurito, orticaria e disturbi gastrointestinali che in genere si presentano dopo aver mangiato carne, da pochi minuti a qualche ora dopo. Non si conosce al momento un trattamento preciso, quindi le persone morse dalla zecca devono evitare la carne per un po’: circa due anni, periodo entro il quale, se non ci sono altri morsi, l’allergia dovrebbe scomparire.

--pubblicità--

Casi simili però sono stati registrati anche fuori dagli Stati Uniti, tra Sud Africa, Australia ed Europa, Italia inclusa: ragion per cui il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie sostiene che siano in aumento le malattie trasmesse dalle zecche e che per questo è molto importante la previsione. Per evitare le malattie trasmesse da ogni tipo di zecche è importante evitarne per quanto possibile i morsi, indossando abiti coprenti se si trascorre molto tempo in campagna e controllando che non vi siano zecche su ogni parte del corpo.

Photo credit: Pixabay.it

LEGGI ANCHE: