Sembra un’utopia, eppure vivere senza automobili è possibile. Cape Town sarà la prima città in Sud Africa ad avere un villaggio completamente eco-friendly dove la circolazione delle macchine sarà nettamente diminuita: le automobili potranno infatti viaggiare solo lungo una strada principale oppure nei parcheggi sotterranei. Un progetto completo per una maggiore sostenibilità ambientale. Il progetto si chiama Blue Rock Village, è stato ideato dalla società Swisatec e andrà a implementare il già esistente Blue Rock Resort nella zona di Somerset West. La previsione di spesa è di circa 900 milioni di dollari per un piano che comprende circa mille appartamenti, centri medici, centri benessere, boutique, scuole e ristoranti. 52c676e7-e79f-4fab-b0b2-c017a4699bb5Oltre alla scelta di vietare quasi completamente la circolazione alle automobili, il villaggio sarà eco-friendly anche per altre caratteristiche: gli appartamenti utilizzeranno elettrodomestici ad alta efficienza energetica; l’illuminazione sarà a led; si utilizzeranno sistemi di gestione dell’acqua per tutti i suoi utilizzi, dalle docce all’irrigazione, e sistemi di riscaldamento solare ed energia solare auto-generata. La decisione di realizzare un progetto così green nasce dalla constatazione della situazione non positiva che il Sud Africa vive per quanto riguarda il rapporto con l’inquinamento e la cura dell’ambiente. Il Sud Africa infatti è stato inserito nella lista dei dodici maggiori produttori di emissioni nocive secondo un rapporto preparato dall’organizzazione ambientalista Groundwork. In questo rapporto vi è inoltre la previsione che il Paese dovrà affrontare un aumento delle temperature tra i 6 e i 12 gradi entro la fine del secolo e vi è analizzata la sempre crescente penuria di acqua e la crisi energetica. Nonostante tali difficoltà, o forse proprio a causa di esse, Cape Town ha stabilito la volontà di generare, entro il 2020, il 10-20% di energia elettrica dalle fonti rinnovabili e sta invogliando anche i propri abitanti a rivolgersi a tali sistemi per la produzione in proprio di energia pulita. La costruzione del villaggio inizierà nell’agosto del 2016 e si prevede che i primi residenti potranno trasferirvisi a partire dal febbraio 2017.

 

L’Europa paladina del vivere “car-free”

--pubblicità--

Mentre il Sud Africa si accinge a realizzare il suo primo villaggio senza automobili, in Europa la vita “car-free” è già realtà in alcune città particolarmente attente ad uno stile di vita green. In Europa la nazione più ecologica è di certo la Germania. A Friburgo, ad esempio, esiste un quartiere chiamato Vauban che già dal 1991 ha deciso di riservare ai pedoni il suo centro medievale e di limitare in modo pesante la circolazione delle macchine. È stata dunque introdotta un’unica tariffa per i trasporti pubblici e sono stati costruiti solo pochi parcheggi destinati alle auto e tutti lontani dal centro, incentivando così l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta per gli spostamenti. Dal 2006 l’uso delle auto è stato vietato completamente ed è in funzione un unico tram che trasporta i pendolari al centro di Friburgo. Quando nasce tra gli abitanti la necessità di utilizzare una macchina, è ormai un’abitudine quella di acquistarla in comune, dividendo le spese, oppure di scegliere il car sharing. Se a Vauban la vita senza auto è già una realtà, la città di Amburgo, sempre in Germania, si sta attrezzando per diventare una delle più grandi realtà car-free. Grazie al programma denominato “Green Network Plan” () si prevede di eliminare nel giro di venti anni la necessità di spostarsi con le autovetture. Già ora la cittadina è una delle più ricche per quanto riguarda le aree verdi, i giardini, le piazze. L’amministrazione ha deciso di realizzare nuovi percorsi dedicati esclusivamente ai ciclisti e ai pedoni unendo tutte le aree verdi della città. Tutti gli spazi di interesse pubblico saranno dunque raggiungibili a piedi o in bicicletta, sia dai pendolari che dai turisti, e la reta si estenderà su tutta la città andando a coprire ben il 40% delle attrazioni di Amburgo. La decisione dell’amministrazione nasce soprattutto dalla consapevolezza della necessità di combattere l’inquinamento dell’aria, che ha portato ad un aumento della temperatura in città di ben 9 gradi negli ultimi 60 anni e all’innalzamento del livello dei mari di ben 20 centimetri. Un progetto simile è stato studiato dalla città di Helsinki che ha stabilito nel 2024 la data di “liberazione” dalle macchine. L’idea è quella del “trasporto on demand”. Gli abitanti potranno utilizzare una App apposita per scegliere il mezzo pubblico col quale raggiungere una determinata località, tra bus, treno, traghetto e bike sharing. Il pagamento finale sarà effettuato semplicemente attraverso lo smartphone. Anche la Spagna ha la sua oasi verde ed è Pontevedra, una cittadina di 83mila abitanti. Qui da ormai quindici anni esiste solo una piccola zona dove è consentita la circolazione delle automobili ad un limite massimo di 30 chilometri orari. Inoltre l’unico parcheggio presente è in periferia, a pochi minuti dal centro storico. Il paladino di questa realtà è stato di certo il suo sindaco, Miguel Anxo Fernandez Lores, eletto nel 1999 ed ora al suo quinto mandato. a7dcee01-a393-40ff-a8ac-fe8f344dd450La sua è stata una vera e propria rivoluzione contro le migliaia di automobili che intasavano la cittadina e che ha portato a raggiungere risultati davvero impressionanti: una diminuzione del traffico pari al 90%; un abbattimento dell’inquinamento del 65%; il netto calo degli incidenti che dal 2000 al 2014 sono passati da 1.203 a 484; l’incremento degli spostamenti in bicicletta e a piedi, giunti al 70%. Anche in questo caso un aiuto importante arriva dalla tecnologia, con due app davvero innovative: la prima, Metrominuto, che aiuta a calcolare i tempi di percorrenza a piedi da un luogo all’altro della città; la seconda, Pasominuto, ideale per tutti i turisti e gli abitanti attenti alla linea, che permette di calcolare, per venti itinerari standard, le distanze percorse, il numero di passi e le calorie bruciate. Nell’est dei Paesi Bassi si trova poi un villaggio, Giethoorn, dove addirittura non esistono le strade asfaltate e dove i circa 2.600 abitanti si spostano a piedi o via acqua utilizzando i numerosi canali e ponti che attraversano la cittadina (che sono più di 180).

 

Anche in Italia oasi verdi senza automobili

Anche nel nostro Paese esistono delle città che hanno deciso di limitare l’uso delle macchine per offrire ai propri abitanti una esistenza più sana, libera dallo smog derivante dagli scarichi delle autovetture. Partiamo dal nord, in particolare dal paese di Chamois, in Valle d’Aosta. Si tratta dell’unico comune di tutta Italia che non è assolutamente raggiungibile dalle auto. In questo piccolissimo centro abitato, dove i residenti sono un centinaio e che si trova a ben 1.836 metri di altezza, si può arrivare solo ed esclusivamente a piedi o in funivia: qui le macchine sono davvero bandite. Spostandoci in Lombardia arriviamo a Monte Isola sul Lago d’Iseo. Completamente chiusa al traffico automobilistico, può essere visitata solo a piedi, in bicicletta o grazie all’autobus. L’unico motore consentito è quello degli scooter dei residenti. Il caso più conosciuto e famoso di città che ha scelto di basarsi sempre meno sull’uso delle auto è di certo Venezia: la città lagunare, infatti, è visitabile esclusivamente a piedi o in bicicletta oppure attraverso il trasporto pubblico dei vaporetti, che consentono di spostarsi agevolmente tra un’isola e l’altra.

 

Tra carrozze e auto elettriche: dall’America un esperimento riuscito

Ma uno degli esperimenti davvero più curiosi e di certo più longevi (l’ordinanza che vieta la circolazione delle automobili risale al 1898) riguardo alla scelta di vivere in luoghi car-free è di certo quello messo in atto a Mackinac Island, nella contea di Mackinac, nello stato del Michigan (). Qui, in questa cittadina di soli 10 chilometri quadrati e con una popolazione di circa 500 abitanti, i soli veicoli a motore a poter circolare sono le ambulanze e, in inverno, gli spazzaneve. Gli unici mezzi utilizzati sono infatti le carrozze trainate dai cavalli, le auto elettriche e le biciclette. Un vero e proprio paradiso per chi sceglie il vivere green come propria filosofia di vita, ancor più se pensiamo che in questa isoletta degli Stati Uniti d’America l’inquinamento dovuto ai mezzi di trasporto è ovviamente pari a zero.