Ambiente

È l’albero più colorato del mondo, sembra dipinto ma non lo è: ecco cosa lo rende così

Guardare questo albero fa pensare ad un dipinto di qualche noto artista. Una specie piena di colori e molto affascinante da vedere 


La natura riesce sempre a sorprenderci, ma questa volta sembra essersi superata del tutto. Nessuno avrebbe mai pensato che qualcosa del genere potesse esistere e i tanti curiosi del web si stanno stropicciando gli occhi nel guardarlo.

Si tratta dell’albero più colorato del mondo e le sue immagini sul web stanno ottenendo un successo eclatante. Non parliamo di una forma d’arte inventata dall’uomo, ma di un qualcosa che la natura ci ha donato per poterci riempire di domande a cui dare delle risposte scientifiche. In effetti, è stato oggetto di studio da parte di esperti del settore, i quali hanno scoperto cos’è che lo rende così speciale. Si chiama Eucalipto arcobaleno e a guardarlo se ne comprende subito la motivazione.

Sull’account Imc_tvv di Instagram, il quale possiede oltre 260 mila follower, sono apparse le immagini che immortalano questa specie cosi bella e rara. Inoltre, vengono descritti i dettagli in merito a dov’è situato e il perché abbia questo aspetto così particolare. Ovviamente, gli utenti del social media hanno gradito particolarmente, dato che oltre 60 mila persone hanno cliccato il tasto like e che più di 300 hanno cercato di saperne di più tramite i commenti.

L’Eucalipto arcobaleno e i suoi segreti di bellezza

Partiamo dal fatto che si trova all’interno della foresta pluviale del Maui, ovvero nelle Hawaii. Già il posto, di per sé, è molto affascinante con la sua natura rigogliosa, se in più aggiungiamo un albero dai mille colori, allora la voglia di recarsi lì ad ammirarlo sovviene in un batter d’occhio.

Albero tinteggiato
L’albero con più tinte di sempre (Instagram – Imc_tvv) – Biopianeta.it

Eucalyptus deglupta (sarebbe il suo nome originario) il quale è formato da un tronco multicolore e che è in grado di assumere diverse sfumature di tinte. Quindi, si va dal giallo, fino a passare al verde, per poi notare delle parti in arancione, in viola e in blue. In tanti, però, si chiedono come sia possibile una colorazione del genere, dato che non avviene tutti i giorni di vedere qualcosa di simile in natura.

La risposta a questo dubbio è stata chiarita proprio sull’account di Imc_tvv, il quale nella didascalia che mette in mostra le immagini dell’albero afferma chiaramente: “Ciò avviene per via dell’esfoliazione della corteccia, la quale staccandosi lascia spazio a quella che si trova nella parte sottostante”. Quest’attività avviene nel corso di diversi anni e in età avanzata l’albero può arrivare ad un’altezza anche di 70 metri e un diametro di oltre 2 metri al piede. Infine, riesce a mantenere una vegetazione attiva durante tutto l’anno; enigma concluso.

Michelangelo Loriga

Michelangelo Loriga, esperto di Storia, politica (italiana e internazionale) e letteratura; appassionato di arte, sport e motori. Laureato in Scienze storiche del territorio e per la cooperazione internazionale all’Università di Roma Tre. Interessato allo sport, specie al calcio in cui ho giocato per 20 anni, in tutte le sue forme e in ogni tipo di contesto.
Back to top button
Privacy