Sembra paradossale, ma alcune ricerche sostengono che l’Abruzzo sia la seconda regione preferita dagli appassionati della neve per trascorrere la “settimana bianca“. Questi dati sono sensazionali per una regione che fa degli impianti sciistici una delle attrazioni più sviluppate di tutto il centro Italia.

Moltissimi italiani amano scendere sulle piste che la catena montuosa degli Appennini ha riservato a questa splendida regione. E non solo, un grandissimo numero di turisti provenienti dall’estero, ha scelto questi luoghi per trascorrere un periodo all’insegna dello sport, del freddo e del buon cibo. Chiaramente al primo posto di questa speciale classifica troviamo la regione del Trentino-Alto Adige, che, situata sulle Alpi, rimane comunque la preferita di tutto lo stivale.

I numeri non mentono

Qualitativamente parliamo di una zona che, per quanto riguarda le regioni appenniniche, non ha eguali. I moltissimi impianti sciistici sono di ottima fattura, e sono molto più vicini a tutte le regioni del centro-sud Italia. Questo è un parametro da non sottovalutare, un viaggio fino alle Alpi sarebbe davvero proibitivo per una famiglia proveniente dal sud del nostro paese.

--pubblicità--

Inoltre, i dati danno una spiegazione evidente ed innegabile del perché la frequentazione sia così elevata: i prezzi medi. Un alloggio in pieno inverno nella regione abruzzese, costa in media circa 40€ a notte a testa. Salendo sull’arco alpino, i prezzi si moltiplicano, fino quasi a raddoppiarsi. Anche per quanto riguarda i costi degli skipass, il confronto non regge.

Non si tratta di un paragone, è chiaro che sciare sulle Alpi ha una peculiarità tutta sua, inconfondibile. Ma impianti come quelli di Roccaraso, Rovisondoli, Pescasseroli, Campo Felice, Campo Imperatore e Ovindoli assicurano un rapporto qualità/prezzo da far invidia ai più importanti siti del nord Italia.