Fonte: Pixabay

Dopo la falena Trump e la mosca Schwarzenegger, tocca a Leonardo DiCaprio. Uno scarabeo d’acqua recentemente scoperto nel Borneo porta infatti il nome del popolare attore americano.

Un altro nuovo esemplare di insetto prende il nome da un personaggio famoso. Dopo la falena Trump e la mosca Schwarzenegger, infatti, arriva ora il turno di Leonardo DiCaprio, che dà il nome ad uno scarabeo recentemente scoperto nel Borneo della Malesia. Ovviamente la somiglianza fisica non c’entra: gli scopritori dell’animale hanno deciso di chiamarlo con il nome e cognome del famoso attore americano per via del suo importante impegno in difesa dell’ambiente.

Il nuovo scarabeo d’acqua DiCaprio è stato scoperto dai membri dell’associazione olandese di citizen science Taxon Foundation, che organizza delle spedizioni scientifiche per appassionati e gente comune. La dedica a DiCaprio è arrivata durante il 20esimo anniversario della The Leonardo DiCaprio Foundation. 

--pubblicità--

“Minuscolo e nero, questo nuovo scarabeo probabilmente non vincerà nessun Oscar per il suo carisma – ha commentato Iva Njunjic, entomologa e fondatrice dell’associazione – ma ai fini della protezione della biodiversità, ogni animale è importante”. Lo scarabeo DiCaprio, il cui nome scientifico è Grouvellinus leonardodicaprioi, è stata rinvenuta precisamente in una cascata che si trova nel bacino di Maliau, una zona ancora incontaminata del Borneo della Malesia, durante la prima esplorazione sul campo di Taxon Expeditions. Oltre allo scarabeo DiCaprio, sono state scoperte altre due nuove specie di scarabeo d’acqua. Per quanto riguarda le caratteristiche fisiche, il coleottero in questione ha un corpo obovato lungo circa 2,97 millimetri e largo 1.60 millimetri. Il dorso – lungo 0,85 millimetri – ha una colorazione nera con una leggera lucentezza metallica. Marrone scuro invece artigli e antenne, e gialla la peluria. Teta larga 0,65 millimetri con diametro di 0,27.

LEGGI ANCHE:BORNEO, SCOPERTA LA FORMICA KAMIKAZE: SI FA ESPLODERE PER SALVARE LA COLONIA

Photo Credit Taxon Expeditions – Handrik Freitag