Sustainability Life

Tutti avviano la lavastoviglie dopo pranzo, ma è un errore gravissimo: la bolletta la triplichi senza accorgertene

La lavastoviglie è uno di quegli elettrodomestici che salvano la vita delle donne lavoratrici, ma attenzione a usarla in modo “economico”.


Sebbene sia uno degli elettrodomestici più usati dalle donne dell’era moderna, è sicuramente uno dei più necessari, visto il tempo che si passa fuori casa e il poco che resta per dedicarsi ai lavori come lavare i piatti. Ma è anche vero che al pari della lavabiancheria e del forno, la lavastoviglie è uno di quegli elettrodomestici che, se non utilizzata correttamente, può consumare tantissimo.

Naturalmente non è possibile ridurre il consumo oggettivo di energia elettrica di una lavastoviglie, che ha un assorbimento base al quale non si può decisamente porre rimedio. Elettrodomestici di questa portata, come anche il forno e la lavabiancheria, per non parlare della asciugatrice, sono infatti notoriamente dei “succhia energia”, che fanno impennare le bollette dell’energia elettrica.

Ma ci sono comunque delle accortezze che si possono mettere in atto per cercare di contenere al massimo le bollette dell’energia elettrica. Se seguite possono sicuramente aiutare ad abbassare, anche se lievemente, l’ammontare della bolletta dell’energia elettrica che a fine mese incide e non poco sugli stipendi.

Come usare la lavastoviglie in maniera intelligente

Un consiglio vecchio come il mondo ma sempre attuale: quando si fa la lavastoviglie, bisogna scegliere la fascia oraria migliore. Si sa infatti che le ore serali/notturne, che vanno dalle 19 alle 8 di mattina, sono le migliori per avviare la lavastoviglie. Quindi a meno di aver fatto un pranzo pantagruelico, evitare sempre di avviare il ciclo di lavaggio dopo pranzo e, magari, aspettare la sera per fare una lavastoviglie più carica.

risparmio bollette lavastoviglie
Come risparmiare sulle bollette con l’uso della lavastoviglie – Biopianeta.it

Caricare al massimo la lavastoviglie è un altro dei trucchetti che sono sempre di attualità per risparmiare: non tanto perché un ciclo a pieno carico consumi di meno, ma se si fanno solo cicli a pieno carico significa che la lavastoviglie viene utilizzata in media meno volte, e di conseguenza consumerà meno energia. Di certo è necessario avere una lavastoviglie ad alta efficienza energetica, per risparmiare: gli elettrodomestici vecchi, che non rispondono ai nuovi standard elettronici ed elettrici, proprio a causa di componenti obsolete, fanno alzare di molto i consumi.

La pulizia periodica della lavastoviglie è un altro plus che può aiutare a consumare di meno: essendo un elettrodomestico che lavora con l’acqua, tende ad accumulare calcare. E questi accumuli negli elementi meccanici possono creare disturbi alla macchina, causando un innalzamento del consumo elettrico. Infine, i programmi della lavastoviglie possono fare la differenza nel consumo finale di energia: prediligere sempre quelli eco, ad esempio, può essere utile, ma anche evitare la fase di asciugatura elettrica e lasciar asciugare le stoviglie all’aria può fare certamente la differenza.

Back to top button
Privacy