Vivere green

Non serve una casa in campagna: il tuo orto lo fai sul balcone con questi trucchi degli esperti

Tutti coloro che possiedono un balcone o un terrazzo possono creare un vero e proprio orto casalingo. Ecco tutti i consigli da seguire.


La coltivazione è senza dubbio una delle passioni/necessità più antiche della storia umana. Secondo gli storici, la prima documentazione riguardante i consigli su come coltivare la terra risale addirittura all’epoca romana, precisamente nell’anno 200 a.C.

Il famoso politico, generale e scrittore romano Marco Porcio Catone fu, infatti, uno dei primi ad insegnare i segreti della coltivazione della terra attraverso un manuale scritto a mano. Ciò che sorprende maggiormente è il fatto che gli antichissimi segreti siano tuttora seguiti e continuano a funzionare.

Il tutto nonostante l’attuale tecnologia e la vastissima conoscenza. Per coloro che amano coltivare e hanno la giusta pazienza, c’è la possibilità di creare un vero e proprio orto sul balcone di casa. Ecco come.

I segreti dell’orto casalingo fai date

Nell’attuale momento storico, che è caratterizzato dal cambiamento climatico e dalla riduzione delle aree verdi in città, stanno progressivamente aumentando i cosiddetti orti casalinghi, cioè quelli realizzati sul proprio terrazzo.

Come curare il proprio orto
Orto in balcone – biopianeta.it

Tuttavia, non è semplice installarli, poiché è necessario conoscere i vari trucchi del mestiere, alcuni dei quali riguardano gli attrezzi da utilizzare, le dimensioni dei vasi e le specie di ortaggi da prediligere. Quali sono allora i consigli da seguire per ottenere un pezzettino di terra efficiente e fecondo? Innanzitutto, bisogna ricordare che gli orti fai da te regalano tantissimi vantaggi, come ad esempio il buon umore a chi lo cura e un balcone più bello.

E non solo: si possono persino svolgere delle attività di giardinaggio con i bambini, trapiantando piantine o raccogliendo i frutti. Un altro fattore positivo è inoltre rappresentato dalla qualità dell’alimentazione: coltivare in casa ortaggi e verdure significa anche mangiare un cibo sano e controllato

Il primo consiglio inerente alla realizzazione di un orto casalingo riguarda l’impermeabilizzazione dell’area. Quest’ultima deve infatti essere perfettamente protetta dalla pioggia, affinché non ci siano squilibri nei liquidi. Successivamente, si potrà procedere inserendo semi o piantine trapiantate all’interno di vasi o mini-cassette resistenti al gelo.

Per quanto riguarda la scelta degli ortaggi e delle verdure, il consiglio è quello di prediligere i pomodori, la lattuga, le carote, il basilico, il rosmarino e le altre piante aromatiche. Per i pomodori è ad esempio sufficiente un vaso di 30-40 cm, grazie al quale i coltivatori potranno ottenere i primi frutti entro 80 giorni. La lattuga, che viene invece seminata tra aprile e giugno o tra agosto e settembre, può essere piantata all’interno di vasi profondi 30 cm.

Back to top button
Privacy