Salute e benessere

Acqua del rubinetto, quando è pericolosa: come riconoscere colori e odori

Ti sei mai chiesto se fosse possibile bere l’acqua del rubinetto? Ecco quando risulta essere pericolosa: tutti i colori ed odori da evitare.


L’acqua è la fonte di vita più importante che ci sia, senza la quale non riusciremmo a sopravvivere. Quest’ultima è essenziale per qualsiasi forma di esistenza su questa terra, a partire dalla semplice vegetazione, fino a terminare alla sopravvivenza dell’essere umano. Ma per avere i suoi benefici deve essere perfetta, limpida e dolce quando viene bevuta. Al contrario potrebbe portare infezioni e malattie che potrebbero far morire il singolo individuo.

A tal proposito, quando si parla di ‘acqua del rubinetto‘, vi siete mai chiesti quando quest’ultima può essere considerata pericolosa e quando invece la si può bere senza alcun problema? Vediamo insieme quali sono i colori che quest’ultima può avere e come riconoscere se può essere bevuta o meno.

Acqua del rubinetto: i colori a cui prestare attenzione

Quando pensiamo all’acqua da poter bere, pensiamo senz’altro all’acqua in bottiglia (plastica o vetro), che si vende al supermercato. Negli ultimi anni, però, a causa dell’incessante crisi economica, sempre più persone hanno ben pensato di poter optare per una nuova idee: il depuratore. Quest’ultimo consente di essere applicato al rubinetto di casa, depurando l’acqua che fuoriesce da esso, ed eliminando eventuali tracce di calcare, per poi avere un’acqua davvero perfetta e bevibile.

Al contrario, chi non lo possiede deve fare molta attenzione all’acqua del rubinetto, perché potrebbe essere davvero pericolosa per la salute di ogni singolo individuo. Come ci accorgiamo che qualcosa non va in questi casi? Dal colore e dall’odore. Vediamone qualcuno di seguito: eviteremo ingenti danni al nostro organismo.

acqua rubinetto colori
I colori a cui prestare attenzione con l’acqua del rubinetto (Biopianeta.it)

L’acqua del rubinetto non deve essere bevuta quando presenta questo colore ed odore:

  • Colorazione marrone-rossastra: quest’ultima sta a determinare, all’interno dell’acqua, la presenza di ferro. Può capitare soprattutto se il rubinetto non viene aperto da molto tempo. In tal caso è bene lasciare scorrere l’acqua per qualche tempo, in modo che venga eliminato il colore in questione e poi provare a berla. Se il problema sussiste, allora dipende dalle tubature ed in quel caso è bene chiamare un idraulico.
  • Colorazione giallognola: quest’ultima determina la presenza di manganese. In questo caso l’unico modo per capire se l’acqua possa essere bevuta, è rivolgersi ad un esperto che dirà se è buona o meno e se ha bisogno di manutenzione.
  • Colorazione verde: quest’ultima è determinata dalla presenza di rame e riguarda per lo più le tubature. In quel caso sarebbe meglio cambiarle.
  • Se odora di uova marce: determina la presenza di zolfo. Pericolosa per la nostra salute e soprattutto contaminata da germi e batteri. Evitarla assolutamente.
Back to top button
Privacy