Curiosità

L’uomo torna sulla Luna nel 2024: come diventare astronauta e quanto si guadagna

L’essere umano sta per ritornare sulla Luna: la prima tappa si effettuerà nel 2024. Le agenzie spaziali cercano quindi nuovi astronauti.


Il settore spaziale attira da oltre 60 anni milioni di persone sparse in tutto il mondo, soprattutto perché offre la possibilità di osservare e di studiare tutto ciò che c’è oltre la Terra. Le missione più famose della storia sono senza dubbio quelle umane, cioè quelle che hanno portato per la prima volta la specie umana in orbita terrestre e sulla Luna. Tutti hanno nella mente le meravigliose immagini del primo sbarco lunare, che è avvenuto il 20 luglio 1969 con la missione Apollo 11.

In realtà, sulla superficie della Luna hanno camminato ben 12 uomini, precisamente tra il 1969 e il 1972. L’ultimo sbarco lunare è infatti avvenuto il 14 dicembre 1972 con la missione Apollo 17. Prima di raggiungere questo obiettivo ci sono state ovviamente tantissime missioni Apollo che hanno anticipato la numero 11.

2024, l’anno del ritorno sulla Luna

Negli ultimi 50 anni le maggiori agenzie spaziali, come la NASA e l’ESA, si sono dedicate soprattutto alla conquista dell’orbita terrestre e all’invio di robot e sonde nello Spazio. Il mezzo che ha permesso quindi alla NASA di stabilizzarsi nell’orbita terrestre è stato senza dubbio lo Space Shuttle, che nel 2011 è andato in pensione. Questo velivolo orbitante ha dato inoltre un grande contributo per la costruzione della Stazione Spaziale Internazionale, che ospita costantemente gli astronauti da oltre 20 anni. Questa enorme casa che orbita attorno alla Terra a 8 km al secondo, è fondamentale per imparare a vivere nello Spazio e per creare nuove tecnologie e farmaci. Attualmente, il governo degli Stati Uniti ha deciso di ritornare nuovamente sulla Luna per vari motivi.

ritorno sulla luna dopo 50 anni
Razzo SLS della NASA ed equipaggio Artemis 2 (foto Ansa) – biopianeta.it

Prima di tutto, la tecnologia moderna è finalmente pronta per garantire una sopravvivenza prolungata sulla superficie lunare. In passato, invece, le missioni Apollo duravano solo pochi giorni. In secondo luogo, gli scienziati e gli ingegneri di oggi sono in grado di estrarre i materiali preziosi dal suolo lunare. Ad ogni modo, la missione Artemis 2 partirà verso la fine del 2024 e porterà 4 astronauti americani nell’orbita lunare. L’allunaggio avverrà invece con Artemis 3, che sarà lanciata tra il 2025 e il 2026. Le successive missioni Artemis porteranno anche astronauti europei sulla Luna. Per questo motivo, c’è una grande richiesta di astronauti, soprattutto negli Stati Uniti e in Europa.

Come si diventa allora astronauti? In realtà, è un percorso estremamente difficile, i selezionati sono solitamente una decina su 20.000 candidati. Tuttavia, bisognerebbe avere una laurea scientifica o ingegneristica, oppure aver intrapreso un percorso nell’aeronautica militare. Non è obbligatorio, ma è importante per avere un punteggio più alto. L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) svolge abitualmente dei veri e propri concorsi, durante i quali avvengono le selezioni. Per quanto riguarda l’età, questa deve rientrare tra i 27 e i 37 anni, affinché si possa avere una probabilità più alta di essere presi. La forma psicofisica deve essere naturalmente perfetta: vista sui 10/10, ottima stabilità psicologica, ottima forma fisica ecc. Va inoltre ricordato che bisogna avere minimo il livello C2 di inglese, mentre come seconda lingua occorrerebbe avere delle basi di russo. Cosa prevede allora l’iter del concorso? In breve, il percorso da affrontare è il seguente:

  • selezione iniziale
  • test psicologici
  • seconda fase di test psicologici e colloqui
  • esami medici
  • colloquio di lavoro

Tutti i selezionati dovranno quindi affrontare un lungo addestramento, che solitamente dura 3 anni. In questo periodo insegnano tutte le nozioni relative alla Stazione Spaziale Internazionale, sia dal punto di vista scientifico che ingegneristico. Successivamente, si passa alle immersioni subacquee e ad una serie di attività che insegnano il lavoro di squadra. Quanto guadagna allora un astronauta? Tutto dipende dalle missioni e dall’esperienza accumulata negli anni: mediamente lo stipendio europeo si aggira tra i 4.500 e i 7.000 euro al mese.

Back to top button
Privacy