Curiosità

Questa particolare sabbia non rispetta le leggi della fisica: scienziati senza parole

E’ stata recentemente scoperta una sabbia misteriosa che non rispetterebbe le classiche leggi della fisica: gli scienziati sono senza parole.


La sabbia è un elemento abbastanza comune sulla Terra, è infatti presente in tutte le spiagge del mondo. I suoi piccolissimi granelli provengono inoltre da una roccia sedimentaria, che nel corso dei secoli e dei millenni si è frantumata. Questo lentissimo processo, che avviene ancora oggi, genera mediamente dei granelli che variano tra i 2 e i 0,06 millimetri. Tuttavia, la sabbia può formarsi anche per altri motivi, come ad esempio per una precipitazione chimica o per un accumulo di scheletri e gusci proveniente da passati organismi viventi.

Per quanto riguarda la precipitazione chimica, questa si riferisce soprattutto ad una elevata presenza di ioni nell’acqua. Recentemente, i ricercatori hanno trovato una sabbia molto particolare, che non rispetterebbe le leggi della Fisica.

La sabbia che non rispetta le leggi della fisica

Gli scienziati della Lehigh University, che si trova in Pennsylvania, sono rimasti senza parole quando hanno visto il comportamento di una particolare sabbia. In modo particolare, hanno scoperto che applicando una coppia magnetica i granelli iniziano a fluire verso l’alto, fuorviando così le classiche leggi della gravità. Le caratteristiche di questo esperimento inusuale sono state pubblicate sulla prestigiosa rivista scientifica Nature.

La sabbia è solitamente un elemento che attira tantissimi scienziati, poiché ha gli stessi comportamenti di un liquido e di un solido. I minuscoli granelli compiono infatti un grandissimo lavoro di squadra: migliaia di particelle unite fra loro trasformano la sabbia in un qualcosa di magico. Per questo motivo, quando la si raccoglie in un secchio si muove proprio come se fosse un liquido.

sabbi che non rispetta la fisica
Granelli di sabbia, la scoperta è incredibile – biopianeta.it

Ciononostante, è perfettamente in grado di sostenere un enorme peso. La sabbia riesce quindi a sfidare le leggi della Fisica, passando da fluido a solido in un lasso di tempo brevissimo. In altre parole, si ha la sensazioni che i piccolissimi granelli siano in realtà degli esseri viventi, che si muovono a seconda delle circostanze. Ciò che sorprende maggiormente è il fatto di non poter prevedere la direzione di una valanga. Le motivazioni sono semplicissime: è quasi impossibile prevedere dove andranno i piccolissimi granelli di sabbia, poiché durante la discesa si influenzano a vicenda. E non solo: è stato dimostrato che neanche un supercomputer può intuire il movimento delle singole particelle.

Come si spiega allora il movimento verso l’alto visto durante l’ultimo esperimento? Secondo gli scienziati, si tratta di un comportamento bizzarro, ottenuto mentre si eseguivano dei test sulle particelle polimeriche. Per la precisione, un ingegnere ha assistito a questo strano fenomeno quando ha rivestito di ossido di ferro delle particelle. In quella occasione, i granelli di sabbia si sono direzionati verso l’alto dopo che un magnete ha iniziato a ruotare sotto una fila di micro-rulli. Per quale motivo è accaduto?

In realtà, l’aumento della forza magnetica ha causato a sua volta l’aumento della coesione delle particelle. Ciò significa che i micro-rulli hanno cominciato a muoversi più velocemente e, di conseguenza, ad avere una maggiore trazione. Tutto questo ha portato i vari granelli a dirigersi verso l’alto, cioè contro le leggi della gravità.

Back to top button
Privacy