Sustainability Life

Pulire il camino? Non chiamare un tecnico, ti costa troppo: segui i consigli di Benedetta e vedrai quanto risparmi

Il camino durante l’inverno è una vera coccola ma la sua pulizia è di fondamentale importanza: la blogger Benedetta ci svela dei trucchi


Quando le temperature si abbassano, possedere un camino in casa è un piacere a cui d’inverno è difficile rinunciare, grazie al suo tepore che sprigiona un’atmosfera soffusa e calda. Averlo in casa porta con sé numerosi vantaggi, infatti il calore del fuoco si diffonde rapidamente da una stanza all’altra. Tuttavia per sfruttarlo al massimo e in tutta tranquillità, è importante ricordarsi di trattarlo con le dovute cautele, evitando rischi di ogni tipo.

La blogger di successo Benedetta Rossi, ha voluto condividere una serie di trucchi e consigli utili per una corretta manutenzione: dall’accensione quotidiana corretta fino alla pulizia, regolare e profonda, da fare direttamente in casa. Dunque, non sarà necessario chiamare un tecnico, ma di seguito, ecco come pulire ogni parte del camino con metodi naturali ed efficaci.

Come pulire il camino: i consigli utili fai da te di Benedetta Rossi

Per avere in casa un camino che sprigioni un fuoco sicuro, c’è bisogno di un’attenta manutenzione e pulizia. Alcune operazioni vanno fatte frequentemente, quasi con cadenza quotidiana, per poterlo accendere senza doversi preoccupare di eccesso di fuliggine o eventuali ostruzioni della canna fumaria. Una delle parti che più si sporca con la sua accensione è proprio l’interno del camino ossia la sua bocca.

Dunque, è necessario rimuovere la cenere e la fuliggine con gli accessori per la pulizia adatti, come paletta e scopina appositi. La procedura deve avvenire sempre a camino freddo. A cadenza settimanale, si può procedere ad eliminare i residui con l’aspirapolvere ricordando sempre di farlo quando si è certi che la cenere sia oramai fredda.

pulizia camino sporco
I migliori consigli su come pulire il camino sporco – biopianeta.it

Un trucco oramai antico è quello di cospargere con un po’ di sale la legna quando le braci sono ancora accese. Quest’operazione consentirà di ridurre il volume del fumo e agevolare così la pulizia. Altro consiglio conosciuto da tempo è quello dei fondi di caffè. Basterà cospargere la base con i fondi umidi del caffè e raccogliere tutto. L’umidità dei fondi infatti riduce al minimo la cenere e la fuliggine dispersa. Se non si ha il caffè, è utile anche spruzzare con dell’acqua la cenere tramite uno spray. Una volta accumulato il tutto, occorre riporre la cenere in appositi sacchi e gettarli nell’organico.

Passiamo poi alla pulizia della canna fumaria, che è senza dubbio l’operazione più complessa da effettuare. Qualora non ci si volesse rivolgere a del personale qualificato, esistono dei metodi naturali ed ecologici da poter applicare. La blogger consiglia di pulirla con una spazzola imbevuta di acqua e aceto. Grazie alle sue proprietà, l’aceto aiuta a eliminare facilmente la fuliggine sulle superfici. Ancora, si può utilizzare del bicarbonato di sodio diluito con tre cucchiai di detersivo per piatti. Si procede dal basso verso l’alto, utilizzando una spazzola ed uno spray. La soluzione deve agire per un quarto d’ora circa. Basterà poi passare un panno imbevuto d’acqua e lasciar asciugare le superfici.

Per quanto riguarda i vetri e le parti in metallo, la blogger consiglia di utilizzare del lucido da scarpe nero e una spazzola. Per il bordo del camino le superfici esterne basterà una soluzione di acqua e aceto. Al contempo le parti in legno potranno essere lucidate con un panno imbevuto di succo di limone e olio d’oliva.

Antonella Acernese

Laureanda in Lettere Moderne, svolgo il ruolo di redattrice da circa 4 anni. Mi occupo di articoli di lifestyle benessere, salute e attualità. Scrittura pulita, chiara e rispettosa, un plain language, è ciò a cui miro nella stesura degli articoli, affinché cronaca e notizie possano essere consumate da tutti, senza alcun ostacolo di chiarezza.
Back to top button
Privacy