Vivere green

Guidare auto elettriche? Bisogna apprendere da zero: l’incredibile esperienza raccontata dai tabloid

Dall’apertura della portiera, alla guida vera e propria fino alle ricariche, le auto elettriche offrono esperienze completamente diverse.  


Sempre più persone sono ormai orientate a scegliere un’auto elettrica, anche se non siamo di fronte a una vera e propria corsa all’acquisto. Ciò deriva da diversi fattori, e il prezzo medio di un’auto green è solamente la punta dell’iceberg.

Infatti stanno spuntando molte esperienze raccontate da chi ha comprato un’auto elettrica, e ovviamente anche gli esperti le stanno testando, per offrire ai consumatori qualche nozione utile in più.

Una nota giornalista durante un’intervista pubblicata sul Wall Street Journal, ha spiegato quali sono i fattori che l’hanno messa in difficoltà, guidando 4 modelli diversi di auto elettrica. Si tratta ovviamente di un’esperienza soggettiva, ma in effetti esistono differenze sostanziali tra le auto green e quelle a motore.

La giornalista ha spiegato di aver provato una Kia EV6, una Hyundai Ioniq 5, una Tesla Model Y e una Volkswagen ID.4. Ed ecco cosa è emerso.

Ecco com’è davvero guidare auto elettriche, le esperienze che tutti dobbiamo conoscere prima di acquistarne una

Andando a leggere ciò che è stato affermato dalla giornalista possono sorgere alcuni dubbi. Ma d’altronde le novità portano con sé proprio modi inediti di vivere e vedere le cose.

ricarica elettrica auto a colonnina
Il pieno alla colonnina è ancora visto come un disagio, universalmente – Biopianeta.it

Una delle prime differenze ricordate dalla giornalista riguarda le maniglie delle portiere, un accessorio che potremmo pensare “scontato”; in realtà sulla Ford Mustang c’è semplicemente un pulsante circolare sulla portiera, mentre nella Kia e nella Hyundai le maniglie “spuntano fuori” solamente allo sblocco dell’auto. Sul popolare veicolo elettrico di Elon Musk, invece, il conducente deve spingere il pollice sulla parte più larga della maniglia e questa ruota verso di lui.

Una volta entrati in auto, si ha a che fare con l’accensione; la giornalista ha spiegato che ogni veicolo funziona praticamente a modo suo. Tesla fornisce chiavi magnetiche (come quelle degli hotel) o l’opzione di avviamento con l’App. Anche l’ID.4 della Volkswagen ha una propria app, ma offre anche un portachiavi tradizionale.

Similmente alla Model Y di Tesla, la VW parte se si preme il pedale del freno e inserendo la marcia in Drive, un po’ come le auto con marce automatiche; Ford, Hyundai e Kia hanno invece i pulsanti di avvio/arresto. Ci sono i portachiavi, ma si possono anche impostare le app come chiavi.

  • La giornalista, tra le altre cose, ha raccontato di sentirsi spesso frustrata, perché non riusciva a capire se l’auto fosse realmente accesa oppure no.

Durante la conduzione delle auto elettriche, la conducente ha anche ricordato che la maggior parte dei modelli elettrici frena automaticamente non appena si toglie il piede dall’acceleratore. Questo fatto può innescare paura e/o confusione, almeno fino a che non ci si abitua, e ciò vale per il guidatore e anche per i passeggeri. Va detto che in alcune vettura questa funzione può essere disattivata.

Sono tutti fattori da tenere in considerazione, quando si va a scegliere il modello di auto elettrica, perché il comfort del conducente, così come dei passeggeri, deve essere imprescindibile.

Back to top button
Privacy