Salute e benessere

Problemi ai capelli: questi oli sono poco conosciuti ma possono risolverli per sempre

Quali sono i migliori oli da usare per i capelli? Ecco come scegliere in base alle proprie esigenze per risolvere ogni tipo di problema


Capelli secchi, spenti e opachi, o al contrario, con il problema della cute grassa e della forfora: per ogni tipologia di capelli e di problema ad essi connesso esiste un olio vegetale che può essere d’aiuto. Sia gli oli vegetali che gli oli essenziali sono in grado di fornire le giuste sostanze per andare a risolvere il fastidio di cui si soffre e ridare ai capelli l’aspetto sano e splendente che devono avere. Sono molti e ognuno ha una funzione diversa, per questo bisogna conoscerli un po’ tutti per capire quale fa al proprio caso.

Ogni olio ha determinate proprietà e svolge precise attività benefiche che è bene sfruttare al meglio. Usarli è molto semplice, garantiscono un approccio naturale e non invasivo, e possono essere davvero molto risolutivi. Ecco un elenco in cui sono presenti, oltre ai più comuni oli vegetali ed essenziali in commercio, anche altri meno conosciuti ma assolutamente ottimi per la salute e la bellezza della chioma.

Oli per i capelli: una guida per scegliere i più risolutivi

Servono per favorire l’idratazione cutanea e per contrastare problemi come la forfora, la secchezza, la fragilità e la perdita dei capelli. Se tra i più noti ci sono l’olio di argan, ricco di vitamina E e ideale per i capelli secchi, in quanto nutre in profondità, e l’olio di cocco che svolge un’azione simile, penetrando all’interno del capello grazie al suo basso peso molecolare e idratando a fondo, eccone altri di cui si parla di meno.

oli per problemi capelli
Oli vegetali per capelli, quali scegliere – biopianeta.it

In caso di problemi di forfora, ma anche se bisogna eliminare i pidocchi e quando il cuoio capelluto è irritato, l’olio di neem è utilissimo. È antibatterico e antinfiammatorio, e ha anche proprietà antimicotiche e antiossidanti. Elimina i parassiti dei pidocchi e lo si può usare anche nel cao di psoriasi, eczemi, acne.

Per contrastare l’alopecia androgenetica che colpisce gli uomini o alcune donne in età avanzata c’è l’olio di semi di zucca. Non si tratta però di un prodotto da applicare su cute e capelli, ma da assumere per via orale. L’assunzione è di circa 400 mg al giorno e diversti studi attestano una ricrescita dei capelli in zone in cui c’era già stato un diradamento.

Sempre contro l’alopecia, ma anche per combattere la dermatite del cuoio capelluto e se ci sono problemi di depigmentazione, l’olio di cartamo si rivela molto efficace. Contiene un alto livello di acido linoleico da cui derivano i benefici che produce. Per favorire una crescita sana e robusta dei capelli c’è l’olio di menta piperita, e un ottimo prodotto di sostegno è anche l’olio di lavanda.

La forfora può essere eliminata anche dall’olio di tea tree, mentre per rafforzare capelli fragili, rovinati e particolarmente secchi si può usare l’olio di marula, molto nutriente. Svolge una vera e propria azione anti-age e idrata la cute in maniera profonda e duratura.

Back to top button
Privacy