Salute e benessere

Studio scientifico identifica una specifica spezia che aiuta a tenere a bada il peso

La scoperta degli scienziati è stata determinante. Ecco la spezia che ci aiuta a tenere a bada il peso corporeo


Quello con la bilancia non è mai un rapporto idilliaco e facile. C’è chi riesce a restare in forma con facilità e chi, invece, prova molte difficoltà a fare pace con la propria forma.

Tuttavia, quando i tentativi “fai da te” non danno affatto i risultati sperati, un aiuto concreto può arrivare dalla scienza. Sì, perché alcuni studiosi hanno effettuato alcune ricerche che approfondiscono la questione della bilancia legata con l’alimentazione. Secondo uno studio scientifico, infatti, esiste una specifica spezia che aiuta a tenere a bada il peso. Vediamo di quale alimento stiamo parlando.

Secondo uno studio scientifico c’è una spezia che aiuta a tenere a bada il peso

Per i ricercatori esiste una spezia specifica che permette di tenere a bada il peso e di affrontare il momento dell’incontro con la bilancia. Secondo lo studio scientifico, infatti, questa spezia millenaria potrebbe essere determinante per coloro che desiderano perdere peso, in quanto riesce ad intervenire sull’asse neuroendocrino che regola l’assimilazione cibo, spesa energetica e attività mitocondriale. Ecco di quale spezia stiamo parlando.

Spezia contro il peso
Ecco quale la spezia che ci aiuta contro il peso – BioPianeta

La spezia evidenziata nello studio scientifico è il cardamomo. Si tratta di una spezia molto utilizzata anche nelle nostre cucine ed è perfettamente abbinabile in moltissime bevande e cibi. Grazie alla presenza di numerosi composti fenolici e terpenoidi, riesce ad esercitare effetti benefici sul nostro umore e sull’andamento del metabolismo. Gli studiosi hanno scoperto inoltre che il cardamomo può essere determinante nella perdita di calorie e peso corporeo. Lo studio ha evidenziato che chi assume regolarmente cardamomo ha degli effetti benefici relativi a numerosi parametri metabolici. Questi soggetti, infatti, accumulano meno grasso, in particolar modo nella zona addominale, oltre a presentare livelli di colesterolo LDL e trigliceridi molto più bassi.

Il cardamomo ha degli impatti positivi anche sull’asse ipotalamo-ipofisi-surrene. Questa spezia, infatti, potrebbe regolare correttamente i livelli considerati alterati di neuropeptidi chiave, come ad esempio l’AgRP, il NPY o il CART presente nell”ipotalamo. Il Cardamomo riduce anche gli indicatori di stress, come ad esempio il corticosterone e presenta interessanti proprietà anti infiammatorie. Questa spezia, infatti, si rivela spesso molto utile nel ridurre l’infiammazione cronica e aiuta a prevenire numerose malattie. Il consiglio è quello di assumere i semi di cardamomo in molti momenti della giornata, come dopo l’allenamento o durante il pranzo. Tuttavia, è sempre bene ricordare che è necessario seguire una dieta sana e uno stile di vita equilibrato, in quanto non esistono alimenti miracolosi.

Back to top button
Privacy