Curiosità

Ragno unico al momento è stato trovato: gli esperti la pensano cosi..

Scoperta impressionante che ha lasciato tutti senza parole. Trovato un ragno unico: ecco che cosa pensano gli esperti


Si tratta della primo esemplare di una specie che non era mai stata trovata e che, probabilmente, non “si sarebbe mai fatta vedere”. Tuttavia, il “mostro” è stato ritrovato grazie ad un fossile antichissimo e la scoperta non poteva che avvenire in Australia, terra famosa per la varietà di ragni che si possono trovare.

Ma vediamo subito di che cosa si tratta e che cosa pensano gli esperti che si sono occupati dello studio di questo ragno considerato “unico al mondo”.

Scoperto il fossile di un ragno unico: cosa dicono gli esperti

Una scoperta che ha dell’incredibile quella avvenuta su un sito archeologico australiano. I paleontologi che ci stavano lavorando, infatti, hanno trovato il fossile d un ragno unico che ha vissuto sulla terra nell’età del Miocene. Si tratta di quello che è stato subito definito come il secondo ragno più grande al mondo mai trovato. La scoperta dei paleontologi è stata giudicata come sorprendente, in quanto sono riusciti a portare alla luce un’incredibile creatura che apparteneva ad un passato remoto del nostro Pianeta e di cui non si erano mai registrate tracce.

Ragno unico al mondo
Il fossile è una scoperta incredibile (Credits foto: @Zoological Journal della Linnean Society)

A farlo sapere è stato un team di scienziati che ha pubblicato lo studio sulla rivista scientifica Zoological Journal della Linnean Society. Il gruppo di studiosi ha identificato il reperto in un sito chiamato McGraths Flat e ha stimato la sua “età” collocando il fossile a circa 11-16 milioni di anni fa. Si tratta di un reperto conservato in maniera perfetta nella roccia, in quanto è stato possibile osservare ogni minimo dettaglio dell’animale. Secondo quanto riportato dai paleontologi, il ragno ritrovato appartiene al genere Monodontium e l’osservazione delle zampe è stata determinante per ottenere tutte le informazioni più preziose.

Per gli scienziati è stato molto difficile capire il modo in cui si è evoluto questo aracnide, in quanto no non vi è una documentazione rilevante e approfondita su questi animali. Si tratta, infatti, di una specie molto fragile e non vi sono quindi molti dati. Si tratta della prima specie rinominata “Megamonodontium mccluskyi” e il suo ritrovamento permette di approfondire il modo in cui si presentava l’Australia nel Miocene. Questo esemplare era circa 5 volte più grande di un ragno normale dei Monodontium, ed è considerato il secondo ragno fossile più grande a mondo. Il primo posto, quindi, spetta ancora al Mongolarachne jurassica, trovato in Cina nel 2011.

Back to top button
Privacy