Salute e benessere

Integratori per bambini, un’indagine recente mette in luce uno scenario a dir poco agghiacciante

Se sei abituato a dare a tuo figlio gli integratori alimentari, forse dopo aver conosciuto queste informazioni, ti ricrederai.


In quanto genitori vorremmo ovviamente solo il meglio per i nostri figli. Non vorremmo mai scoprire che qualcosa che pensavamo fosse buono per loro, finisse col danneggiarli. Ecco perché è importante rimanere informati su ciò che gli esperti e i medici dicono e sulle ricerche che vengono fatte costantemente nel campo della medicina e della farmacia. Ad esempio: dai spesso integratori a tuo figlio? Forse potresti voler sapere alcune cose.

Gli integratori possono sembrare innocui, dato che non si tratta propriamente di farmaci ma di “aiuti” che diamo al nostro corpo quando manca qualcosa. A volte sono prescritti dal medico di base, a volte vengono anche presi spontaneamente dalla persona o dati ai bambini se si pensa che possano essere utili. Ma siamo sicuri che stiamo facendo la cosa giusta per loro?

È giusto dare ai bambini gli integratori alimentari? Uno studio mostra scenari inquietanti: di cosa parliamo

Sugli integratori alimentari e sulla loro efficacia contro malanni stagionali, malattie e carenze dell’organismo il dibattito è aperto. Sono molti i medici e gli esperti che credono nel loro utilizzo e molti altri che sono invece convinti non servano in sostanza a nulla e che ci siano già in natura prodotti che possano ovviare alle carenze di cui si parla. Un esempio classico è la carenza di vitamine: secondo molti medici basta una corretta alimentazione con tanta frutta e verdura, piuttosto che una pillola di integratori.

ricerca shock sugli integratori alimentari per bambini
Attenzione a quello che date ai vostri figli – Biopianeta.it

Ma quello che ha stabilito questa ricerca tedesca non ha molto a che fare con l’effettiva efficacia degli integratori, piuttosto dell’uso che ne fanno i genitori dei bambini. Non trattandosi di farmaci veri e propri molti genitori tendono a stimare le dosi di cui hanno bisogno i propri figli senza consultare un medico. Questo risulta molto spesso in pericolosi sovradosaggi di sostanze che comunque sono esterne e non andrebbero sottovalutate, pur non essendo medicine vere e proprie.

I dati sono allarmanti e disegnano uno scenario che potrebbe diventare pericoloso col tempo. Inoltre spesso gli integratori per bambini sono realizzati simili alle caramelle: colorati, dalle forme fantasiose e con sapori buoni. Questo può portare i bimbi ad assumerli anche in autonomia rispetto ai genitori, un comportamento che potrebbe risultare davvero pericoloso se perpetrato a lungo nel tempo.

Back to top button
Privacy