Gli alieni esistono o non esistono? Rispondere a questa domanda è difficile e sono infiniti gli scienziati che stanno cercando la verità circa la vita extra terrestre. Tuttavia la comunità scientifica tutta è d’accordo con l’affermare che anche sulla superficie terrestre o oceanica è possibile incontrare forme aliene. Non parliamo di certo dei classici esserini verdi e dai grandi occhi rappresentati alla perfezione nei film di fantascienza, ma di creature viventi sulla Terra.

Oggi vogliamo parlarvi di una scoperta fatta nelle profondità dell’Oceano Pacifico, luogo considerato ancora oggi oscuro e misterioso. Recentemente alcuni ricercatori hanno infatti scoperto l’esistenza dell’Advhena magnifica, un raro tipo di spugna marina.

In fondo al mar con E.T.

L’Advhena magnifica, o anche detta Alieno magnifico, è un tipo di spugna che popola le profondità più recondite dell’Oceano Pacifico. Il suo nome non lascia spazio ad alcun dubbio: la somiglianza con gli alieni delle pellicole più famose del nostro millennio è impressionante. La Okeanos Explorer, la nave di ricerca della NOAA, ha fotografato per la prima volta questo fantastico esemplare. Le immagini riportate in superficie e attentamente analizzate dai ricercatori hanno sorpreso anche i più appassionati studiosi di fauna marina.

--pubblicità--

Questa spugna è legata al fondale oceanico grazie ad un lungo stelo in cima al quale sembrano essere attaccati due enormi occhi. Sono stati proprio questi ultimi a far immediatamente pensare agli alieni e soprattutto ad E.T. , il dolce extraterrestre dell’omonimo film che ha commosso generazioni intere. Oltre al suo aspetto del tutto fuori dal comune la particolarità di questa spugna è anche un’altra: vive a circa 2030 metri di profondità, quasi il triplo rispetto alle sue cugine “terrestri”.