Quante volte vi è capitato di domandarvi il perché di una cosa osservata in natura? Questo fa parte della nostra essenza più profonda. Vivere ignorando ciò che ci circonda non è mai stato il nostro forte, e grazie allo sviluppo delle tecnologie e della stessa mente umana, possiamo fornire risposte a domande particolari ed interessanti.

Sulla nostra Terra qualunque cosa è difficilmente lasciata al caso, e questo alone di mistero rende ciò che è naturale ancora più interessante ai nostri occhi. Qualche giorno fa avevamo lanciato un interrogativo simile in riferimento ai panda. Oggi vogliamo invece svelarvi una curiosità riguardante un animale della savana. Perché la zebra ha la pelle a strisce? Vediamo che risposte ci da la scienza.

Soluzione a metà

In prima battuta si potrebbe pensare che i colori siano “dettati” dalla necessità di mimetizzarsi con la natura circostante. Questo sia attivamente, dunque per cacciare, che passivamente, ovvero per sfuggire ai predatori. Una ricerca dell’Università di Calgary però ha smentito questa idea.

--pubblicità--

Vista la popolazione di zebre su suolo africano, si è pensato che il manto a strisce bianco e nere fosse dovuto ad un’auto regolazione della temperatura corporea. In questo caso però è bastato confrontare i dati raccolti con quelli riferiti ad un cavallo (struttura simile ma nessuna striatura) per capire che non si trattava della soluzione corretta.

Un pool di ricercatori dell’Università della California, guidati da Tim Caro, sembra essere venuto a capo della verità. La ricerca pubblicata sulla rivista Plos One evidenzia che il manto di questo animale si è sviluppato in questa colorazione per confondere gli insetti (prettamente tafani) che sono soliti infastidire gli equidi.

Il dubbio rimane in ogni caso: gli insetti scambiano le strisce della zebra per fronde di alberi o vengono semplicemente confuse da queste? Sta di fatto che, generalmente, potrete osservare i tafani “lisciare” le zebre o addirittura colpirle, rimbalzando sul loro corpo. Che spettacolo la natura!