Negli ultimi giorni ha fatto notizia il ritrovamento  di un’immagine particolare in un archivio fotografico online della University of Washington Libraries. Nello scatto è presente una bambina che somiglia in una maniera impressionante ad uno dei personaggi più celebri del 2019, Greta Thunberg.

La piccola svedese, di soli 16 anni, è diventata nota a livello mondiale nell’ultimo anno, grazie al suo attivismo per una svolta ecologica mondiale. Organizzatrice del movimento giovanile “Fridays for Future“, la giovane Greta ha tenuto discorsi in moltissime sedi istituzionali, dimostrando una consapevolezza impressionante per la sua età. Inoltre ha manifestato una convinzione nelle proprie idee degna dei migliori attivisti mondiali. Il suo lavoro è stato in parte ripagato, grazie alla notorietà acquisita negli ultimi mesi. La giovanissima ha avuto l’occasione di parlare di fronte ai media di tutto il mondo grazie ai suoi interventi su palcoscenici importantissimi: dal Parlamento Europeo, fino ad arrivare al COP 24 delle Nazioni Unite.

Una sosia nel passato

Come detto, negli ultimi giorni ha riscosso molto successo una foto del 1898 in cui è ritratta una bambina che ha una somiglianza impressionante con la piccola Greta Thunberg. Purtroppo non è stato scoperto il nome della giovane fotografata. L’unico dettaglio reso pubblico è il nome del fotografo: Eric A. Hegg. 

--pubblicità--

In un momento storico in cui si cavalcano le onde del complottismo in maniera particolare, nel mondo di internet sono nate delle convinzioni assurde. Su Twitter e su diversi altri social network infatti non sono poche le persone convinte che la piccola attivista svedese abbia viaggiato nel tempo per salvare il mondo dalla prossima deriva, dovuta ai cambiamenti climatici ed allo sfruttamento delle risorse naturali.

Naturalmente si tratta di post scherzosi, volti esclusivamente alla ricerca di notorietà da parte di chi li ha ideati. Lo scherzo però diventa inesistente di fronte alle parole della notissima attivista. Rimangono circa 11 anni per arrivare al punto di non ritorno riguardo le emissioni e l’eliminazione dei combustibili fossili.