Passione zenzero per le mille virtù. Ma occhio ai rischi

I mille benefici dello zenzero, il superfood naturale perfetto per combattere malanni di stagione. Ma non è esente da controindicazioni: in quali casi usarlo e in che situazioni evitarlo.

Lo zenzero è uno dei superfood più noti, tra i rimedi naturali più diffusi e apprezzati soprattutto in questa stagione per le sue proprietà benefiche contro raffreddori e congestioni, ma non solo. Nonostante si tratti di una radice completamente naturale, il suo utilizzo non è però privo di controindicazioni.

Pianta erbacea originaria dell’Estremo Oriente, simile ad un tubero ramificato, lo zenzero viene utilizzato in forma essiccata e in polvere, ma anche prelevando porzioni della sua radice fresca. Ricco di oli essenziali, dal sapore fresco, leggermente speziato e simile al limone, viene utilizzato soprattutto per realizzare infusi e tisane oltre che integratori per rinforzare la salute e stimolare la bellezza del corpo. Lo zenzero è perfetto per contrastare naturalmente i malanni invernali, per le sue proprietà antinfiammatorie e decongestionanti che agiscono ad esempio su gola e vie respiratorie semplicemente con una tisana. Ma lo zenzero è anche un depurante naturale, utile in caso di digestione lenta, poiché favorisce l’espulsione delle tossine. Ha inoltre un effetto termogenico che attiva il metabolismo: per questo, lo zenzero viene utilizzato anche sotto forma di integratore alimentare in affiancamento a diete per innescare il processo di dimagrimento.

Un uso eccessivo dello zenzero, però, non è esente da rischi. L’abuso di questa sostanza naturale infatti può provocare alcuni problemi, specialmente in alcuni soggetti. Sempre per i motivi che lo rendono un ottimo digestivo, diventa un prodotto da evitare nei soggetti che soffrono di gastrite o calcoli, perché può causare gonfiore addominale e mal di stomaco; stesso discorso per chi soffre di colon irritabile. Sconsigliato in gravidanza, può provocare reazioni allergiche come sfoghi cutanei. Infine, c’è chi sostiene che possa influenzare la velocità di coagulazione del sangue e sulla pressione sanguigna: ragion per cui l’assunzione in grandi dosi dello zenzero è da limitare, in alcuni casi.

Photo credit: Pinterest.it